Come prendersi cura dei capelli ricci?

Se ti sei sempre sentita inadeguata con tutti i tuoi riccioli, sappi che è arrivato il momento di cambiare rotta.

Onde e molle non sono facili da domare ma non c’è motivo per continuare a raddrizzarle,

soprattutto adesso che i capelli ricci sono stati notevolmente rivalutati.

Finalmente!

Sono presenti infatti in tutte le sfilate perché sono tornati di moda.

Prendersi cura di ricci e onde si riduce davvero a poche regole ferree che purtroppo vengono spesso infrante del tutto inconsciamente.

 

Se ti prenderai cura dei tuoi capelli ricci nel modo giusto, ti ripagheranno con un aspetto spettacolare e vivace.

 

Se il taglio è sbagliato e i capelli non vengono trattati nel modo giusto, sembreranno fieno o manto di pecora.

 

Dopo anni di raddrizzamento forzato ci siamo resi conto che vale la pena mostrare questo prezioso dono di madre natura piuttosto che nasconderlo.

 

I capelli ricci possono sembrare disordinati ma:

sono originali, voluminosi, fluttuano al vento e aggiungono freschezza e un aspetto sbarazzino al viso.

 

I capelli Ricci erano anche indossati dalle eroine dei film che ricordiamo bene in gran parte grazie alle loro acconciature lussureggianti come Carry Bradshow o Giulia Robert in Pretty Woman.

 

I capelli Ricci sono molto esigenti in termini di cura, hanno bisogno di un trattamento speciale completamente diverso da quello che si fa con altri tipi di capelli e quindi spesso si commettono errori comuni.

Sono capelli estremamente delicati e con delicatezza vanno trattati.

Non vanno decolorati in modo aggressivo, no a decolorazioni totali, si a colpi di sole o meglio ancora balayages per illuminarli.

Ricordati che i capelli ricci richiedono molta più idratazione rispetto a quelli lisci.

Devi usare prodotti molto nutrienti ad esempio a base di cheratina, acido jaluronico e olio d’argan come quelli della mia linea, nella tua beauty routine.

Devi SEMPRE usare il balsamo o la maschera dopo lo shampoo.

I capelli ricci vanno pettinati preferibilmente quando applichiamo il balsamo o la maschera, evita spazzolature da asciutti perché oltre a renderli impresentabili, potresti spezzarli.

Devi avere un taglio adatto alla loro struttura.

La tecnica per tagliare i capelli ricci non è la stessa che si usa per i capelli lisci.

Non molti parrucchieri sono in grado di gestirli correttamente, molto spesso assottigliano le estremità il che è disastroso.

Un taglio sbagliato, ad esempio sfoltito, aumenta ulteriormente il crespo spezzandoli e facendoli sembrare trascurati.

Il taglio per i Ricci deve essere molto preciso e ponderato perché dopo l’asciugatura si alzano e creano una forma completamente diversa quando sono bagnati, l’ideale è il DRY CUT, meglio conosciuto come taglio capelli da asciutto.

Solo uno specialista prevede come tagliare i capelli ricci e cosa molto importante da ricordare oltre alla precisione del taglio è l’abbinamento dell’acconciatura alla forma del viso.

Ricordati inoltre di non usare una temperatura troppo elevata durante l’asciugatura, tenderebbe a seccarli, meglio ancora se puoi lasciarli asciugare in modo naturale.

Una volta asciutti, idratali ancora con spray o oli nutrienti per farli brillare.

Nella lista dei tagli più in voga per i ricci, il primo posto appartiene sicuramente al LOB (abbreviazione DI LONG BOB), dove i capelli arrivano alle spalle.

Bene anche le frange, certo è che devono essere lunghe.

Molto belli, facili da portare e sicuramente attuali sono i tagli asimmetrici con una parte molto più corta dell’altra e che si adattano bene ai capelli ricci corti o medio corti.

Per le colorazioni sono da preferire tonalità sfumate , evitare colori uniformi per non creare l’effetto parrucca.

Come hai letto, le cose da fare per mantenere bene idratati e luminosi i tuoi capelli ricci, non sono molte da fare.

Bisogna solo imparare ad amarli e ad accettarli per ciò che sono e sarà tutto più semplice.

 

 

 

Pin It on Pinterest